QRCODE

Il codice QR (o QR Code) è un codice a barre bidimensionale, composto da moduli neri all’interno di uno schema bianco quadrato. In genere, viene utilizzato per memorizzare informazioni destinate ad essere lette tramite uno smartphone o un dispositivo mobile.

Il QR Code dell’Agenzia delle Entrate contiene i dati fiscali relativi alla partiva Iva e all’indirizzo telematico a cui recapitare le fatture elettroniche. Si tratta in sostanza, come riportato anche sul sito istituzionale dell’Agenzia, di un biglietto da visita che si può stampare o mostrare, quando occorre, dal proprio smartphone o tablet.

Di seguito i nostri riferimenti:

 

Il servizio di generazione del codice Qr

Per agevolare la predisposizione e l’invio delle fatture elettroniche tramite SdI, l’Agenzia rende disponibile un altro servizio, che consente ai contribuenti titolari di partita Iva di generare un codice a barre bidimensionale da mostrare al fornitore tramite smartphone, tablet o su carta. Grazie al codice Qr, il fornitore, al momento della predisposizione della fattura, potrà acquisire in automatico i dati del cliente – compreso l’indirizzo prescelto per il recapito – in modo veloce e senza il rischio di commettere errori. Per creare il proprio QR-Code basta accedere al portale “Fatture e Corrispettivi” o collegarsi al proprio cassetto fiscale. Il codice, che può essere generato, su delega del contribuente, anche da un intermediario, può essere salvato in formato pdf e stampato o memorizzato sul proprio telefono cellulare. I dati anagrafici Iva contenuti nel QR-Code sono quelli validi al momento della sua generazione: in caso di modifica del numero di partita Iva o dei dati anagrafici è importante, quindi, distruggere il vecchio QR-Code e generarne uno nuovo.